Almeno una volta nella vita ti è capitato di dover comprare una crema per il viso e di non saper da che parte cominciare. Oppure l’hai comprata, ma poi non sei stata per nulla soddisfatta del tuo acquisto! Questo perché scegliere la crema giusta non è semplicissimo, almeno finchè non sai come farlo!

Prima di tutto voglio sfatare due falsi miti che circolano sulla crema viso:

1. VA SCELTA IN BASE ALL’ETA’: dunque, posto che dopo i 25 anni la produzione di collagene inizia ad arrestarsi e che quindi dai 30 anni in poi è bene iniziare ad avere una routine preventiva circa l’invecchiamento cutaneo, negli anni l’esperienza mi ha insegnato che fermarsi all’età anagrafica per la scelta della crema giusta è sbagliato! Piuttosto che quella anagrafica bisognerebbe soffermarsi su quella biologica, ovvero su quella che la nostra pelle dimostra. Non tutte le donne a 40 anni presentano le stesse caratteristiche, così come non è infrequente che una donna di 50 anni abbia una pelle più giovane di una donna di 45. Ed ecco che lo sbaglio è dietro l’angolo se tralasciamo questo importantissimo dettaglio!

2. BISOGNA USARE CREMA GIORNO E CREMA NOTTE: a questo io dico ni. Cioè se di giorno usi una crema con all’interno filtro solare (SPF), chiaramente di notte non ti servirà, quindi dovrai acquistarne una per la notte. Se poi per le ore notturne preferisci una texture più corposa rispetto a quella giorno, va da se che anche in questo caso dovrai provvedere all’acquisto di due creme separate. Ma l’unico divieto vero e proprio per cui una crema non possa essere usata giorno e notte, è quando gli ingredienti contenuti siano da applicare soltanto di sera, come succede spesso per creme a base di acidi. Quindi se non sei interessata ad avere una routine notturna specifica, allora continua pure ad usare la tua crema giorno anche di sera. Di gran lunga meglio così piuttosto che andare a dormire senza aver applicato nulla sul viso!

Adesso invece ti spiego quali punti osservare nel dettaglio per scegliere la crema giusta e non sbagliare più:

OSSERVA LA TUA PELLE : la prima cosa da fare è quella di andare davanti allo specchio senza trucco e senza cosmetici sul viso ed osservarsi per bene. Per scegliere correttamente dovrai sapere la tua pelle di che tipo è, come si comporta durante il giorno. E’ secca? E’ disidratata? Oppure è mista o tandenzialmente oleosa? All’inizio può risultarti difficile, ma osservandoti tutti i giorni per un po’di tempo, troverai il modo di capire davvero quali sono le sue necessità;

PENSA ALLA STAGIONALITA’ e cerca il cosmetico giusto. La crema che si usa in inverno è solitamente molto diversa da quella che si usa in estate. E per le stagioni di mezzo, come l’autunno e la primavera esistono cosmetici di transizione. Non è un caso infatti che un buon cosmetico da 50 ml, utilizzato nel modo corretto tutti i giorni, duri circa 3 mesi: il tempo giusto per passare da una stagione all’altra;

DEFINISCI GLI OBIETTIVI: senza un obiettivo di bellezza non si va da nessuna parte! Cosa vuoi per la tua pelle? Di cosa ha bisogno? Nutrimento, idratazione, luminosità? Ha bisogno di essere lenita oppure di essere riequilibrata? Vuoi una crema antirughe o una crema rassodante? O desideri una all over (che sull’antiage fa un po’ tutto)? Devi essere chiara sui risultati che vuoi ottenere per poter scegliere la crema giusta ad aiutarti a raggiungerli;

SCEGLI L’INCI: ebbene si, per una skincare che funzioni davvero non basta fare tutti i passaggi giusti e comprare la crema giusta per il tuo tipo di pelle e per i risultati che vuoi ottenere, ma è necessario che tu sappia quali sono gli ingredienti che assolutamente vuoi evitare e quali invece reputi necessari. Per questo leggi sempre l’INCI dei cosmetici e non limitarti alle scritte riportate in evidenza sulla parte frontale della confezione, perché quelle sponsorizzano gli ingredienti più in voga che si trovano all’interno, ma che magari sono presenti in piccola percentuale, o che più spesso fanno compagnia ad altri che non vorresti mai usare. Ad esempio chiediti se per te va bene utilizzare petrolati, parabeni, PEG ecc. Se la risposta è no, allora scegli una crema che ne sia priva.
I siliconi per te non sono un problema ma magari preferisci una crema che ne contenga pochi? Allora scegli un INCI che li riporti nelle posizioni più basse (io direi a partire dalla seconda metà in poi). Oppure hai problemi di allergie o di pelle sensibile? Benissimo, in questo caso dovrai evitare tutti gli ingredienti a cui sei allergica, e nel caso in cui tu non li conoscessi, cercare una crema con ingredienti delicati e lenitivi. Infine sei contro il test cosmetico sugli animali? Allora scegli una crema CRUELTY FREE. Devi sapere che per legge in Europa nessun cosmetico può essere testato sugli animali, ma questo non garantisce il fatto che tutti i suoi ingredienti non lo siano. Cosa significa? Significa che se la casa cosmetica che produce la tua crema acquista da un altro fornitore un dato ingrediente che magari è stato testato sugli animali, tu questo non potrai mai saperlo, perché non potrà essere dichiarato sulla confezione, a meno che la casa cosmetica in questione non abbia delle certificazioni specifiche, come quella citata prima;

OSSERVA LA TEXTURE, LO SKINFEEL E IL PROFUMO: ultimo punto ma di grandissima importanza affinchè tu possa finire il barattolino della tua crema fino all’ultima goccia di prodotto, è osservare questi tre punti. La texture si riferisce alla consistenza della crema dovuta agli ingredienti con cui è formulata; può essere in gel, fluida, corposa o burrosa. Devi capire quale consistenza ti piace stendere sotto le dita e sul tuo viso. Ben altro è lo skinfeel, che si riferisce invece, alla sensazione che il cosmetico ti procura una volta applicato sul volto. Ti faccio un esempio pratico: personalmente amo le texture burrose, mi piace la sensazione sotto le dita e in più ho la pelle secca, quindi una crema contenente burro di karitè sarebbe perfetta. Dico sarebbe, perché poi, una volta applicata sul mio viso, la sensazione che mi lascia non è per nulla gradevole, anzi, mi dà proprio fastidio. Quindi questi due aspetti nel mio caso non viaggiano di pari passo. Personalmente utilizzo creme corpose ma più fluide, che contengono sì il burro di karitè adatto alle mie esigenze, ma che sono emulsionate con una serie di oli essenziali. In questo caso il mio skinfeel è perfetto. Infine fai attenzione al profumo, inteso proprio come odore, e non solo come ingrediente. Se la crema che usi ha per te un odore insopportabile, rinuncerai ad utilizzarla al secondo giorno.

Osservando attentamente questi punti vedrai che sarà più semplice capire quale crema scegliere.

Un ultimo consiglio, qualora tu fossi ancora indecisa, o tu abbia seri problemi di sensibilità cutanea, prima di procedere all’acquisto, chiedi alla profumeria o alla farmacia a cui ti rivolgi, di farti provare un sample, ossia un campioncino, con cui potrai testare per almeno 3 giorni il prodotto e decidere con più tranquillità.

Prima di lasciarci, ti va di raccontarmi come va con la scelta delle cremi che usi di solito?

Intanto io ti abbraccio e ci sentiamo presto!
Barbara

Non perderti neanche un post

Ricevi gratuitamente i miei blog post nella tua casella di posta. Inserisci i tuoi dati qui!